Regole e galateo di base per l’abito da sposo

Dellavolpe_1179_risultato

Prima di dare un approfondimento sui tipi di abito da sposo, diamo una notizia di cronaca: come comunicato dal decreto del 18 maggio possono ufficialmente ripartire le cerimonie nel 2021. Ma con molte cautele: oltre a quelle note, che si applicavano lo scorso anno, agli ospiti delle cerimonie per matrimoni, battesimi e comunioni si chiederà il green pass; dovranno, in altre parole esibire il certificato di vaccinazione o di guarigione o di un tampone negativo effettuato nelle 48 ore precedenti all’evento.

I tipi di abito da sposo

Risentono innanzitutto di stagione, luogo e formalità della cerimonia: su questi tre elementi si capisce come dev’essere l’abito da sposo e quale è il dress code più adatto. Esaminiamo ora i casi più comuni con le indicazioni su come essere impeccabili.

Tight: quando e come indossarlo

Capo di sobria eleganza anglosassone, il tight è formato da una giacca monopetto a tre bottoni a coda in lana nera o grigio antracite con pantalone grigio scuro a righe, gilet monopetto a cinque bottoni o doppiopetto sciallato. Si può completare l’outfit con cilindro e bastone. Si usa perciò per matrimoni formali in autunno o in inverno, che si svolgono di giorno o comunque prima delle 18.

Mezzo Tight: quando e come indossarlo

Rispetto al tight ha una giacca monopetto a tre bottoni senza coda, che diventa dritta dietro e arrotondata sul davanti,  ma utilizza gli stessi tessuti e abbinamenti. Il cilindro ed il bastone sono facoltativi. Adatti per matrimoni meno formali, che si abbinerà bene ad un abito da sposa dalle linee semplici, che si svolgono di giorno o comunque prima delle 18.

Smoking: quando e come indossarlo

In base al galateo dell’eleganza classica, lo smoking va indossato dopo le 18, in occasioni formali o semi-formali ma non per un matrimonio. Perciò per il galateo classico, non è proprio la scelta adatta per un abito da sposo; tuttavia negli Stati Uniti e non solo capita sempre più di frequente di vederlo utilizzato da sposi e testimoni, poco inclini a seguire le regole dell’eleganza classica.

Perciò, se il matrimonio si svolge dopo le 18, lo smoking può essere consentito, purché la giacca abbia un rever a scialle o a punta, ci sia una fascia in vita e sia accompagnato da un papillon in seta.

Abito tre pezzi: quando e come indossarlo

E’ sicuramente la scelta jolly, poiché non solo è uno stile a metà strada tra tradizione ed eleganza, ma è anche l’abito che permette più facilmente di essere riutilizzato: l’abito a tre pezzi, formato da pantaloni e giacca dello stesso tono e gilet da abbinare tono su tono o a contrasto, è quello che permette di essere impeccabile in tutti i contesti, in quanto moderno ed elegante. La giacca sarà monopetto e a due bottoni mentre il pantalone avrà una linea decisamente classica

L’abito tre pezzi può inoltre essere indossato in qualsiasi stagione, scegliendo solo i materiali più adatti: i tessuti in pura lana, misto lana, seta e lana con un peso superiore ai 270 g/m saranno adatti ai matrimoni tardo autunnali o invernali ; per i matrimoni primaverili o estivi, si prenderanno in considerazione tutti i tessuti a partire dal fresco lana purchè abbiano peso inferiore ai 260 g/m.

Colori abito da sposo

E’indicato il blu in tutte le sue sfumature  per le nozze primaverili ed estive, rimandando la palette dei grigi al periodo più freddo dell’anno.

I colori più indicati sono il blu navy, il blu notte, così come il grigio antracite o fumo di Londra, ma c’è spazio anche per l’estro, se il contesto della cerimonia lo prevede.

Vuoi maggiori consigli sull’abito da sposo? Contattaci

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *